Sicurezza alimentare attraverso la commercializzazione dell’agricoltura

Sicurezza alimentare attraverso la commercializzazione dell’agricoltura

security of agriculture technology  FSCA nel quadro delle attività realizzate attraverso il contributo Dell’Italia al Fondo fiduciario FAO per la sicurezza alimentare e la sicurezza alimentare. Accesso alla tecnologia a causa di investimenti insufficienti e l’esaurimento delle risorse naturali.

Diversi progetti nei paesi

Le regioni e i diversi seguono una strategia comune per migliorare la sicurezza alimentare attraverso la commercializzazione dell’agricoltura (sicurezza alimentare attraverso la commercializzazione Dell’Agricoltura, FSCA). Questo nuovo approccio è iniziato nel 2006, con la collaborazione della rural infrastructure and Agro-Industries division (AGS), che fornisce competenze e contenuti.

Assistenza tecnica e assistenza

Integrato nella sicurezza alimentare del Dipartimento per la Cooperazione Tecnica della FAO (TCSF), che consente un’adeguata integrazione con i programmi esistenti della FAO e con i programmi nazionali per la sicurezza alimentare. L’obiettivo principale di questa strategia è promuovere lo sviluppo Dell’agricoltura e trasformarla in un settore moderno.

Competitivo e con vigore commerciale

Questa strategia mira anche a portare benefici ambientali, sociali ed economici ai mezzi di sussistenza degli agricoltori e delle loro comunità. In realtà, oggi il 75 per cento dei poveri nei paesi in via di sviluppo vive nelle zone rurali, quindi rafforzare il settore agricolo significa non solo facilitare l’accesso ai prodotti alimentari nutrienti, ma anche la necessità di creare un ambiente.

Sostenibile per migliorare la sicurezza

La maggior parte dei piccolo

Agricoltori si trova di fronte a difficoltà nella produzione alimentare e subisce notevoli perdite dopo il raccolto. Inoltre, i piccoli agricoltori mancano di forti legami con i mercati nazionali e internazionali e non riescono ad aggiungere valore alla loro produzione agricola. Il loro approvvigionamento idrico è inadeguato e non hanno.

Sostenibile per migliorare la sicurezza

Alimentare e lo sviluppo economico

Tutti questi fattori hanno un impatto negativo sul loro reddito e aggiungono le loro famiglie all’insicurezza alimentare. La strategia FSCA affronta questi problemi offrendo opportunità ai piccoli agricoltori e alle piccole e medie imprese (PMI) coinvolte nella produzione agricola. Con questo approccio fornisce agli agricoltori nuove.

Tecnologie Agricole

Raggiunto ed è dalla partecipazione di tutte le parti interessate all’intera catena alimentare in diverse fasi (produzione, trasformazione, commercio e consumo di alimenti). Questa strategia rende necessario superare diversi vincoli che costituiscono punti deboli e strozzature, come la mancanza di collegamento con i canali di commercializzazione i problemi di qualità e di sicurezza la scarsa.

Produzione e la bassa produttività

Il rafforzamento della

Commercializzazione dell’agricoltura in aree con un potenziale commerciale riconosciuto contribuisce a concentrarsi su nuove opportunità di mercato. Sostenere l’adozione di tecnologie contribuisce ad aumentare la produzione agricola, la produttività e il reddito. Riduce anche la volatilità dei prezzi e promuove l’uso sostenibile delle risorse naturali.

Produzione e la bassa produttività

Tutte importanti

La strategia FSCA ruota intorno ai seguenti componenti principali, come illustrato nella figura seguente. In alcuni casi, la strategia FSCA è realizzata a livello regionale per: consentire un accesso più agevole ai mercati regionali e internazionali; rispettare gli standard di sicurezza e commercializzazione per garantire la sicurezza alimentare in qualsiasi paese dei sul quale dobbiamo prodotti.

Alimentari promuovere il commercio

Transfrontaliero armonizzare le politiche e le istituzioni; sostenere la competitività e l’ammodernamento dell’agricoltura. I progetti finanziati dal contributo italiano prevedono la partecipazione diretta e specifica delle organizzazioni economiche regionali un aspetto fondamentale interessate. Indirettamente, i progetti FSCA vanno a beneficio di vari soggetti interessati della catena alimentare.

Quali commercianti

Locali e nazionali, imprese agroalimentari, acquirenti e consumatori. Inoltre, la comunità nel suo insieme può godere di una maggiore disponibilità di alimenti di qualità superiore. Le esperienze e le lezioni apprese sono condivise tra i progetti finanziati alimenti, è lavorare, ha aggiunto dall’Italia e le iniziative pilota di successo vengono replicate a livello nazionale e/o regionale.

In una delle ricerche

Legate al Manifesto

L’alimentazione per e la salute un documento pubblicato dall’organizzazione Navdanya International, che si degli propone di essere uno strumento utile per tutti coloro che vogliono iniziare una transizione verso un paradigma più sostenibile, molte delle questioni sollevate riguardano l’Italia, ha dichiarato Lo specialista Lucio Cavazzoni.

Il fatto che il cibo in scatola

Allagato e venga ora acquistato da un marketing subdolo nei supermercati, separa la conoscenza del cibo dalla sua funzione nutrizionale, che spesso è molto povera ha spiegato. Dobbiamo tornare indietro disse Cavazzoni. Il punto fondamentale della discussione è che il consumo di prodotti biologici deve diventare qualcosa di popolare cioè delle persone ha detto.

Non significa massicciamente

Banalizzato ha detto e dobbiamo rilanciare i mercati e agricoli perché la produzione industriale e i supermercati non solo danneggiano i piccoli produttori, ma compromettono anche la qualità stessa del nostro cibo, ha ammonito Cavazzoni. Collegare i consumatori con i produttori, senza abbandonare la questione della qualità e con essa il prezzo massimo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *