L’Italia Guida L’Agricoltura Verde sicurezza Dell’agricoltura in Europa

L’Italia Guida L’Agricoltura Verde sicurezza Dell’agricoltura in Europa

L'Italia Guida L'Agricoltura Verde sicurezza Dell'agricoltura in EuropaL’Italia è anche all’avanguardia per i suoi prodotti biologici con operatori biologici ha proseguito Bazzana in dialogo con IPS. Infatti il per cento dei seminativi è destinato all’agricoltura biologica, secondo i dati dell’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’Agricoltura (FAO). Per quanto riguarda l’agricoltura sostenibile.

Il nostro paese

All’avanguardia è nella conservazione della biodiversità, decidendo di non coltivare organismi geneticamente modificati e aziende agricole impegnate a mantenere e preservare sementi e piante a rischio di estinzione ha detto. Inoltre, ha la precedenza in termini di sicurezza alimentare, con il maggior numero di prodotti agro-alimentari.

Conformi ai residui

Chimici irregolari (regolamentari),” dell’ordine del per cento. L’Italia e L’indice di sostenibilità alimentare. Diversi studi confermano i risultati positivi, come il Rate of Food Sustainability (FSI), sviluppato dalla Fondazione-Center Barilla for Nutrition and Food (BCNF), un gruppo di studio multidisciplinare che lavora per la sostenibilità alimentare.

L’FSI è un indicatore

Che analizza paesi, che rappresentano l per cento dell’economia mondiale (cioè il prodotto interno lordo) e i due terzi della popolazione mondiale. Si del ritiro concentra inoltre su tre pilastri principali, legati ai obiettivi di sviluppo sostenibile SDGs agricoltura sostenibile, perdita e spreco di cibo, sfide nutrizionali.

L’Italia è la migliore

Tra i paesi elencati

E ‘ anche ben posizionato secondo altri indicatori come “l’impatto ambientale delle acque sull’agricoltura, la sostenibilità delle acque, la scarsità e la gestione” della risorsa, secondo il rapporto BCNF, che riassume i dati inviati DALL’FSI nel. L’Italia è un pioniere nelle nuove tecniche per ridurre la perdita di acqua in contesti domestici e agricoli afferma.

Ma la scarsità d’acqua

Nel centro e nel sud D’Italia, per esempio, nell’estate del ha rivelato una situazione critica nei confronti di infrastrutture idriche povere o inadeguate. Questo paese europeo ha registrato risultati positivi in molti altri indicatori, come le colture biologiche e un gran numero la sua legislazione forte per proteggere i diritti dei piccoli agricoltori.

L'Italia è la migliore

Occupazione illegale in agricoltura

La partecipazione delle donne è dell per cento e quella dei giovani del per cento, una percentuale molto bassa rispetto a economie simili come la Spagna, dove quasi un terzo dei lavoratori del settore sono donne e giovani, secondo la relazione BCFN. Anche il lavoro illegale è molto preoccupante. Secondo il Sindacato degli agricoltori, la Flai-Cgil, di agricoltori, circa occupa illegalmente lavoratori.

Gli agricoltori impiegano

Lavoratori non documentati

Attraverso un mercato nero, gestito da organizzazioni criminali, che ha portato alla caratterizzazione del fenomeno dell’agromafia o caporalato, un flagello economico e sociale per il paese. Nessuna rotazione generazionale in agricoltura ho lavorato dal 1981 e dedicato la mia vita a questa cooperativa di prodotti biologici ha detto uno dei membri preoccupa, e della cooperative.

Gli agricoltori impiegano

Nueva Agricultura in dialogo

Con IPS l’organizzazione ha centinaia di ettari a soli chilometri dal centro di Roma, dedicati ai prodotti biologici. La nostra cooperativa è già una realtà, non ha bisogno di essere costruita dal basso ha osservato. Quello che mi ci preoccupiamo tutti, è la sostituzione generazionale. La maggior parte di noi che lavora qui e piu vecchia piu di anni non ci sono giovani, non vogliono lavorare ha detto.

Il timore degli agricoltori

Degli allevatori e degli apicoltori è che il giorno in cui questa zona morirà perché nessuno gestirà tutte le attività che la nuova cooperativa agricola gestisce attualmente. Ho paura di questa prospettiva ha detto uno dei membri più giovani della Cooperativa, in dialogo con IPS. Pastorelli ha anni e lavora nella cooperativa da 10 anni, lavorando nella produzione di latte e formaggio.

Ogni piccola volta

Devi addestrare

Gli operai perche loro restano se ne vanno. Molti giovani semplicemente non sono disposti a lavorare sodo sulla terra, questa è la realtà ha spiegato. Se non ci fossero così tanti migranti e persone con disabilità, che rimangono per un periodo relativamente lungo, non saprei come potremmo andare avanti ha aggiunto.

La sua è una cooperativa integrate

Cioè promuove una politica di integrazione, che spiega la presenza di immigrati e di persone con difficoltà intellettuali. La legge ci impone di avere almeno il 30 per cento dei disabili, ma ce ne sono molti di più”, ha detto Letizia, un altro membro della cooperativa. L’Italia ha ancora molta strada da fare i dati FSI indicano che L’Italia è sulla strada giusta ma allo stesso.

Tempo non deve

Sottovalutare le sfide future, sia a breve che a lungo termine. Per esempio, il punteggio di questo paese sul pilastro nutrizionale era solo moderato, anche se ha ottenuto un buon grado nelle categorie ” qualità della vita” e “speranza di vita”, e un cattivo grado nei modelli di dieta.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *